Cadenza II V (Scendi per toni interi)

Pratica le frasi della lista prima con il metronomo seguendo la griglia di accordi di PAG.2 (per il sax tenore) o PAG.3 (per il sax alto) del PDF. In questo particolare esercizio le varie cadenze II V vengono messe in sequenza scendendo di un tono intero ogni volta (confronta “GLI INTERVALLI). Nello spartito per sax Alto, la prima cadenza II V è quella sulla scala di Bb maggiore: Cm7 F7. Proseguendo troviamo quella costruita sulla scala di Ab (Bbm7 Eb7) e così via. Continuando a scendere per toni interi ci troviamo, dopo sei passaggi, alla tonalità di partenza. A quel punto abbiamo compiuto un “CICLO ARMONICO” ovvero una serie di accordi posti ad intervalli regolari che torna al punto di partenza.

ATTENZIONE: L’esercizio accorpa due cicli di toni interi in modo di affrontare tutte e 12 le tonalità. Questo perchè il ciclo per toni interi tocca solo sei tonalità. Alla 13° battuta inizia dunque un nuovo ciclo. L’esercizio si conclude con una risoluzione della ultima cadenza sul PRIMO GRADO  (accordo Maj7 finale). Questo per darti un punto di riferimento più forte in fondo alla pagina.

I cicli armonici

I diversi cicli armonici costituiscono un indispensabile strumento per abituarsi a visualizzare le frasi nelle varie tonalità indipendentemente dall’ordine nel quale sono distribuiti gli accordi. Proprio come nelle composizioni nelle quali desideriamo cimentarci con l’improvvisazione, le cadenze si trovano disposte nei modi più diversi, così anche nello studio preparatorio all’improvvisazione, seguiamo i vari schemi per abituarci a passare ad una tonalità qualsiasi da qualsiasi punto dello strumento nel quale ci troviamo. Questo anche a favore di una continuità melodica necessaria nella improvvisazione.  Dopo aver preso dimestichezza con le frasi della lista prova a praticarle con le basi. Sui cicli armonici confronta: I CICLI ARMONICI

Basi audio

Tutte e due le basi mp3 (in basso) suonano lo stesso giro armonico a velocità differenti. Pratica l’esercizio prima con la base più lenta e in seguito, dopo aver acquisito una buona sicurezza, con quella più veloce.

Se non hai dimestichezza con la cadenza II V consulta questa pagina puoi approfondirne la conoscenza in questa pagina: LA CADENZA II V

Se non hai chiaro il concetto di trasposizione leggi: COSA VUOL DIRE “TRASPORRE”

 

Altre frasi da inserire nell’esercizio:

FRasi-DUE-Cinque