Frasi su una cadenza II V

Frasi su una cadenza  II -V – Nessuna sostituzione o alterazione,  solo qualche cromatismo

Nel precedente esercizio sul giro armonico di Blues for Alice l’attenzione era incentrata sulla capacità di muoversi su di un’accordo isolandolo dal precedente o dal successivo. Ma il Jazz è in forte continuità con il Blues dove l’approccio solistico è opposto: il solista suona sempre la stessa scala su tutti gli accordi. Questo approccio viene definito “modale”. In questo esercizio è possibile incominciare ad esplorare quello che può essere considerato un approccio intermedio e cioè improvvisare raggruppando gli accordi in funzione della loro appartenenza ad un centro tonale. Per avviarsi in questa direzione è necessario conoscere le varie cadenze.  La più comune è la cadenza II -V – I.

Lo scopo di questo esercizio è di apprendere un tipo di pratica che è sempre stato al centro della attività jazzistica e che consiste nell’acquisire attraverso l’ascolto elementi melodici da scomporre e ricomporre a piacimento. Questo significa che in assenza di un ascolto assiduo di musica jazz non ha molto senso cercare di suonarlo.  Da principio, come spesso accade in musica,  questo processo si svolge lentamente e con grande attenzione. In seguito ad una intensa pratica strumentale si potrà passare ad un utilizzo estemporaneo del materiale scaturito.  Un aspetto molto utile di questo studio è il miglioramento della capacità di cogliere elementi melodici dal fraseggio dei grandi solisti.

Nell’esercizio vengono usati alcuni elementi di costruzione melodica che vanno appresi con sicurezza e sono riportati nello spartito “Alcuni elementi“. In più attingerò frasi da assoli più o meno famosi.  La costruzione a crome  è essenziale per interiorizzare la diversa funzione armonica delle note all’interno di una frase (.. ).  La varietà ritmica in questo tipo di costruzione è affidata agli accenti.  La fonte primaria degli elementi melodici utili a questo scopo sono i dischi della  musica che vi interessa.

Ecco l’esercizio:

  1. Suonate e memorizzate per intero ma anche a frammenti le frasi di questa lista (Frasi su II – V). Potete utilizzare le basi midi (D-7 G7 Alto Sax – D- G7 ConcertD-7 G7 Tenor sax)
  2. Scrivete vostre proprie frasi unendo frammenti di frasi della lista precedente. Potete usare anche frasi prese da questa lista. Il modo di unire i frammenti più facile è di trovarne con note dove la posizione ritmica è analoga. Su richiesta posso mettere in linea qualche esempio.

Se siete sufficientemente abili potete utilizzare le altre basi per suonare, trasposte, le stesse frasi nelle tonalità degli altri strumenti. Per il Sax Alto la base del piano diventa B-7 E7 e quella del Sax tenore A-7 D7. Per il Sax Tenore la base del piano diventa E-7 A7 e quella del Sax Alto G-7 C7.